sabato 19 gennaio 2008

Problemi di serie A e problemi di serie B




Viviamo in una città dove alla ribalta c’è sempre la lotta antimafia, ma a Gela la mafia non è il peggiore dei mali, anche se è quello di cui si parla a livello nazionale perché il fenomeno “mafia” riscuote sempre grande clamore. Degli altri problemi che attanagliano Gela…. Nulla o quasi niente!!!
Qui non ci prefiggiamo di risolvere i problemi della nostra città, sarebbe presuntuoso e oltretutto fuori luogo, ma ci prefiggiamo di dare una voce a chi fin’ora non l’ha mai avuta!
Per anni abbiamo assistito al continuo occultamento delle necessità prioritarie a favore di quelle che, sempre prioritarie sono, ma a differenza delle prime fanno più “audience”.
Non so se questo è stato dovuto nel tempo alla incapacità di noi cittadini di far sentire la nostra voce (o di non averla fatta sentire a chi di dovere), oppure alla ostinata “sordità” di chi avrebbe dovuto sentire e che, invece di darci delle risposte, ci confondeva con un altro problema forse più grande.
E’ risaputo, infatti, che il modo migliore di nascondere un problema è quello di mettere in risalto un problema più grande!
Pertanto se sei intenzionato a iniziare a fare qualcosa di positivo per la tua città facendo sentire la tua voce senza essere ricoperta da colori politici usa pure questo strumento, e magari crescendo chissà, potremo iniziare a far sentire più forte la nostra voce.




5 commenti:

Prozac ha detto...

Esistono nel nostro paese numerosi partiti politici che ogni giorno discutono si mettono in contrasto cercando di trovare la strada più giusta per trovare soluzioni, sviluppare il proprio territorio, e tutto questo accade anche nella nostro città. Certo non sempre ci riescono, alle volte ci provano e ci riprovano, ma a volte capita che malgrado il loro sforzo i cittadini non si sentono rappresentati. Ma perché? cosa accade veramente dopo lo spoglio elettorale? Spesso ci sembra che dei problemi che veramente vorremmo si discutesse, o che ci avevano promesso di approfondire, non se ne parli più. E le nostre esigenze? I nostri pensieri? La nostra voglia di fare? Si ritrova senza un vero rappresentante che abbia la capacità di affrontarle.
E allora che fare? Internet ci da una grossa possibilità, far sentire forte, sempre più forte ai nostri rappresentanti la nostra voce, così che possiamo indirizzarli per cambiare tendenza, qual’ora si fossero distratti dai problemi che noi gli avevamo dato incarico di risolvere. Questo darà loro la possibilità di andare contro tendenza, e finalmente forse riusciremo a dare un sostegno a loro e alla nostra citta.
Pertanto benvengano iniziative come queste intenzionate a dar voce a chi fin'ora non l'ha mai avuta.

Anonimo ha detto...

Oltre a esserci problemi di serei a e di serei b, direi che ci sono soprattutto cittadini di serei a e di serie b, e anche quartieri di serie a e di serie b. Tutta la nostra città e formata da serie a e serie b. Il fatto è che siamo così abituati a questa distinzione che ormai siamo convinti che sia la normalità. Vero è che la mafia non è il peggiore dei mali, ma non lo è nemmeno la politica. E' la mancanza di lavoro.

Anonimo ha detto...

P.S. ma dove hai preso quelle foto?

Anonimo ha detto...

mi viene in mente la situazione di napoli e della sua immondizia. Se fosse succesa a gela, quale zona sarebbe la più colpita? e la più pulita? io credo di saperlo..

Prozac ha detto...

Il problema di avere problemi di serie A o di serie B per non parlare di zone della città di serie A o di serie B è scontato caro amico anonimo...esisteranno sempre zone più servite e zone meno, ma lo è in tutte le città. Il problema più serio a mio avviso invece è che oltre a fare riferimento a spunti calcistici che odio, qui parlare di serie A e B è già troppo, noi a malappena arriviamo alla C2.... sono certo che in questo blog avremo da che discutere...