sabato 14 giugno 2008

Speriamo sia finita...

E’ finita un’altra campagna elettorale. Finalmente!
E’ stata una campagna elettorale povera, priva di idee, priva di dialogo e priva di… Politica!
Nessuno dei candidati a presidente si è “degnato” di far Politica, impegnati com’erano a screditare i rivali e a darsi battaglia sul campanilismo.
Abbiamo assistito a balletti di gruppo in pub, discoteche, pizzerie, camuffati da incontri con elettori.
Ognuno a sfoggiare la propria potenza invitando questo o quell’altro ospite.
Ma di Politica niente!
Chiunque vincerà, chiunque andrà a fare il presidente della provincia, sarà un presidente pessimo, forse il peggiore fin qui visto, anche se fare peggio del presidente uscente sarà davvero dura!
Questo a giudicare dal loro modo di non fare Politica…
Ecco il punto: nessuno dei due candidati più “papabili” a presidente ha fatto Politica: uno è risultato pressochè assente (quasi non curandosi della sua elezione), l’altro si è limitato a presenziare all’iniziazione dei suoi candidati. Ma niente Politica!
L’unico momento di vero dibattito politico c’è stato in quell’incontro con gli studenti universitari, che peraltro è andato pressoché ignorato dalle maestranze.
La Politica la vedo in un altro modo, fatta di incontri, di aperture, di confronti.
La Politica è andare nei quartieri a parlare con la gente, magari mettersi sopra il tetto di una macchina come si faceva una volta e parlare con loro. Ma se non si vuol far questo c’è sempre un sistema alternativo: incontrare i rappresentanti di tutti i quartieri, i rappresentanti dei commercianti, i rappresentanti degli artigiani, delle scuole, ma non per parlare con loro, bensì per farli parlare, per ascoltarli, per sentire direttamente da loro cosa vorrebbero si facesse per la nostra provincia.
Invece niente di tutto questo!
E quelle poche volte che si incontrava gente non la si faceva parlare, impegnati com’erano a farlo sempre loro: come fai a capire le esigenze della gente se non gli dai la possibilità di parlare?
Tutti a fare convegni più o meno sfarzosi, e più o meno utili, per far si che fossero gli elettori ad andare da loro, quando invece avrebbero dovuto essere loro ad andare dagli elettori! E sono le stesse persone che poi si lamentano che la gente e i giovani si allontanano dalla politica! Ma in realtà è il contrario: sono loro ad allontanarsi dalla gente, trattandola come un semplice bacino di voti da assemblare in una sala e parlare con loro come il Messia!
Ed anche in quei convegni, politica ZERO!
Nessuno dei candidati a presidente ha fatto Politica in questa campagna elettorale. NESSUNO!
E i giornali, che dovrebbero essere le sentinelle di quanto succede, hanno sottaciuto colpevolmente a questa mancanza totale di Politica!
Avrebbero dovuto prendere i signori candidati a presidente e tirare loro le orecchie invitandoli a comportarsi da Politici (con la P maiuscola) e invece si son limitati a fare da tappetino per lor signori! Non una denuncia, non un invito, non una iniziativa per promuovere il dialogo politico tra le parti. Ma in compenso hanno riempito i giornali dei soliti arresti, dei soliti fatti giudiziari, dei soliti convegni sulla legalità della solita macchina bruciata!
Riportando le notizie, non cercandole o proponendole.
E hanno parlato di politica solo quando erano “spinti” a farlo…
Dimostrando poco polso, poca iniziativa e poca autonomia! Infischiandosene delle sorti della nostra provincia…
Pur di non rischiare di inimicarsi questo o quell’altro politico hanno fatto orecchie da mercante facendo finta di niente e rendendosi complici della totale mancanza di Politica in questa campagna elettorale!
Anche loro sono responsabili dell’assenza di Politica in questa campagna elettorale!

E se poi a tutto questo aggiungiamo il “solito” periodico indipendente (!) che sembra foraggiato da quella parte di politici, anzi, politicanti, i quali puntualmente scrivono su quel giornale (e sempre le stesse cose!) abbiamo un quadro davvero desolante su come i nostri giornali abbiano abbandonato il ruolo di sentinelle della nostra società, della nostra città, della nostra democrazia!
Altro che periodico indipendente…
Mi importa poco chi sarà il presidente della provincia, spero solo sia il meno peggio!
E se si andrà al ballottaggio ci aspettano altre due settimane somiglianti agli ultimi due mesi!
Siamo stanchi… e ne abbiamo piene le scatole!

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Che dire? Dire che hai ragione? Beh, si hai ragione. Ma tanto, in giro, si dice che il modo di fare politica difficilmente cambierà. In 60 anni di repubblica è soltanto peggiorata.
La politica dovrebbe essere un mestiere come un altro e vorrei dire, mi pare a Platone, che il politico è sempre meno filosofo e sempre più coglione, diceva qualcuno.

falco ha detto...

No caro anonimo, il politico non è un coglione, i coglioni siamo noi!
Il politico è così perchè foraggiato dalla nostra pochezza critica e dal nostro essere "muccalapi"!
Ormai loro lo sanno, e ci danno in pasto ciò che intimamente vogliamo: mangiate gratis, serate gratis, spettacoli gratis...
Spendono migliaia di euro in manifesti, locandine, fac simile senza un briciolo di POLITICA.
I candidati a presidente sono il riflesso della nostra immagnine: siamo noi che incosciamente li vogliamo così! Perchè ormai non riusciamo più a pensare diversamente...
E per quando riguarda i giornali, essi hanno smesso di essere le sentinelle della nostra società ormai da quando a scrivere le notizie c'è gente che aspetta la manna dal cielo sotto forma di email o di fax! Cosa cazzo vuoi che gliene frega loro di iniziative, di sollecitare a fare politica per il bene della comunità? Loro scrivono, tutto il resto è relativo! Anzi, non scrivono più... riportano ciò che gli altri scrivono!
Ne siamo tutti responsabili, ma proprio tutti!
A nessuno gliene frega più niente!
Una prova? guarda qui... NESSUNO HA COMMENTATO QUESTO TUO BELLISSIMO POST SULLA MANCANZA DI POLITICA! TUTTI A COMMENTARE LE CAZZATE DI ALESSANDRA ASCIA E IL PROGRAMMA DI CATALANO, MA SULLA MANCANZA DIPOLITICA E SUL FALSO RUOLO DEI GIORNALI... NESSUN COMMENTO!
Anche chi in questi giorni ha scritto su questo blog è assimilabile a quei politici e ai giornalisti: POVERI IN TUTTO!
Bella forza a commentare programmi e fare i RUFFIANI PER QUESTO O QUEST'ALRO CANDIDATO... MA QUANDO GLI SI CHIEDE CONTENUTI VERI... SONO VUOTI!
PROPRIO COME I POLITICI E I GIORNALI...
E adesso scusatemi ma dopo una notte passata per le strade... vado a letto!

Antonio ha detto...

Questo era ciò che si intendeva dire nei commenti precedenti: tutti bravi a dire "tu commenti ciò che scrivono gli altri" oppure "non capisci nulla" e poi quando si chiede una opinione fondata su cosa davvero importanti... SCENA MUTA!
Noi da 5 mesi ormai portiamo avanti argomenti ai quali succedono sempre iniziative concrete, argomenti che spesso suscitano critiche, poi arriva qualcuno, magari si firma anonimo, e viene qui con la presunzione di sapere tutto e di avere le chiavi di accesso a tutto.
Poi arrivano post come questo, dal quale ti aspetti opinioni un po più "corposi", e invece vedi sparire tutti quelli che fino adesso hanno dato sfoggio di se!

Caro Gianni, io ho visto Messana andare in un quartiere (degli altri, NESSUNO!), ma invece di stare ad ascoltare, come dici tu, era lì a parlare dicendo che si sarebbe dovuto impegnare il doppio in quanto non gelese, oppure che avrebbe portato a Gela un assessorato, poi parlavano i suoi compari.. MA LA GENTE ASCOLTAVA E BASTA!
Cercavano solo voti, voti.. e ancora voti! NON GLIENE FREGAVA NIENTE DI ASCOLTARE LA GENTE!
E poi scusa Gianni, MA COSA PRETENDI DAI GIORNALISTI CHE VENGONO "INCENTIVATI" A SCRIVERE COSA GRADITE AI LORO PIGMALIONI???

emanuele ha detto...

x falco condivido parola per parola il tuo commento ed aggiungerei:nessuna parola, nessun commento sul bellissimo post relativo agli sprechi della regione.
Ecco una bella domanda : sara questa politica in grado di cambiare la cultura dello spreco nella quale è nata e cresciuta?
Saranno i nuovi(????)amministratori capaci di inventarsi nuovi modi di amministrare meno arroganti e clientelari?

Giusy ha detto...

Io azzardo una ipotesi: NON CI SONO COMMENTI PERCHE' IN REALTA' IL LIVELLO DI CULTURA POLITICA DI QUELLI CHE COMMENANO NON E' POI COSI' ALTO COME SEMBRA!!!
Naturalmente ci sono le eccezzioni, e li conosciamo tutti quelli che sono una spanna al di sopra degli altri, ma il resto pur sapendo di essere da questo punto di vista inferiori si ergono ad unici depositari delle chiavi del sapere! Forse è proprio per questo che lo fanno, sanno di non essere all'altezza e allora sparano alto, centrando cazzate!

Dany ha detto...

La cultura dello spreco può cambiarla Lombardo? No, caro Emanuele, non può!
E Federico? Può?
NO... NESSUNO PUO'!!
Pensi davvero che arrivi qualcuno e rinunci a cuor leggero a tutte queste priorità??
Ma dai...
Siamo solo mattoni nel muro..