sabato 10 maggio 2008

Ubi major, minor cessat...

Locuzione molto diffusa nel linguaggio comune, Ubi major, minor cessat si usa in tutte le occasioni in cui, al presentarsi di un evento importante, quello a priorità minore è trascurato.
Già, ma quali sono oggi le priorità minori? Qualcuno lo saprebbe dire?
Gela è diventata la città dove a far notizia è la (pseudo) politica –e pure di basso profilo- fatta da gente di basso profilo (non tutti, per fortuna) a cui i mass media locali (stampa e tv) dedicano uno spazio incomprensibilmente ampio. Altro spazio è occupato da notizie a carattere giudiziario, e per il resto… incrociamo le dita!
Ora, dando per scontata la buona fede dei giornalisti e la loro onestà intellettuale, mi domando se questi stessi giornalisti siano in grado di ricercare e scovare notizie differenti dagli argomenti di cui sopra. E soprattutto, se siano in grado di riconoscerle!
Credo si sia diffusa la convinzione (sbagliata) tra i giornalisti che i gelesi vogliano solo leggere notizie che riguardano la (pseudo) politica di questa città e fatti giudiziari, trascurando molto di ciò che gli succede intorno ritenendola, erroneamente, di scarso impatto mediatico, o comunque di scarso interesse pubblico. Magari trattandosi di una notizia che a loro dice poco o comunque la ritengono “lontana da loro”, ma che per la sua valenza “assoluta” andrebbe (eccome!) riportata!
Si è accorta tutta l’Italia della “impresa” compiuta dalla Squadron Leader, una impresa riportata dal più importante e autorevole mensile tematico, Volare, una impresa a cui pochi giornalisti locali hanno dato risalto, perché a Gela, appunto, queste cose non fanno notizia! Perché ai gelesi bisogna dar da bere solo notizie di (pseudo) politica, di fatti giudiziari, di incidenti e quant’altro possano far comprare un giornale con la notizia interessata sottolineata con il pennarello rosso!
Sono queste le notizie che fanno vendere i giornali!
Per fortuna non sono tutti così, per fortuna a Gela c’è ancora chi sa riconoscere una notizia che dà lustro non solo alla collettività, ma anche al giornale per il quale lavora, sia esso televisivo o stampato. Ed ecco che una nota giornalista di un noto quotidiano nazionale, tra le cronache di Gela ha inserito la notizia della notevole impresa realizzata dalla Squadron Leader -peraltro riportata ampiamente da questo Blog- articolando in modo chiaro e con enfasi il lustro e la notevole risonanza nazionale avuta da costoro per la realizzazione in versione ultraleggera dell’aereo denominato Hurricane, UNICO ESEMPLARE AL MONDO!
E per questo merita un plauso non solo da parte mia, ma da parte di tutta la cittadinanza che adesso è a conoscenza che Gela è conosciuta fuori dalle mura della città non solo per la mafia, per l’antimafia o per l’Eni, ma anche per qualcosa che fa onore a Gela e ai gelesi!
E fa onore sia a lei che ha realizzato l’articolo sia al giornale sul quale è stato riportato. Ma non fa onore a quei periodici che, pur dichiarandosi “indipendenti” hanno snobbato la notizia non ritenendola degna di essere scritta, degna di essere riportata, degna di essere letta, e degna di essere messa a conoscenza della collettività!
Magari, se all’interno della notizia stessa ci fosse stato un episodio giudiziario, o una valenza politica, forse sarebbe andata diversamente. Forse si trattava di un episodio troppo positivo da essere riportato su un periodico indipendente, forse davvero ciò che la gente vuole leggere è solo di qualche episodio giudiziario, magari cercando avidamente tra i nomi quello del vicino di casa o del conoscente che si incontra quotidianamente al bar!
Perché a Gela è di queste notizie che si vive e ci si ciba!
E’stata persa un’occasione.
Un’occasione per dare una notizia vera, una notizia di una realtà diversa da quelle che siamo abituati a vivere, una realtà che nulla ha chiesto alla collettività, ma che anzi ha realizzato il loro progetto, che gli è valso la ribalta mondiale, lavorando in silenzio!
E in silenzio è stata data la notizia, e il silenzio è stata la risposta di certa stampa!
Certa stampa che si dichiara indipendente…
Ubi major… panta cessat!

5 commenti:

falco ha detto...

Ecco perchè è da abolire l'ordie dei giornalisti! Tranne qualche eccezione che tu citi, gli altri di "giornalisti" non hanno proprio nulla!
Dagli da mangiare arresti, uincidenti, politici che straparlano di tutto e loro te lo stampano anche im prima pagnia, dagli una notizia VERA e per pubblicarla devi chiamarti almeno... CROCETTA!

Antonio ha detto...

Gianni hai visto il film "Quinto potere"?
E'la stampa che comanda in Italia!
E dubito pure della buona fede dei giornalisti e della loro onestà intellettuale di cui tu sei sicuro siano dotati!
Per dirla alla maniera dei pink floyd... SIAMO SOLO DEI MATTONI NEL MURO!

falco ha detto...

Vorrei dire solo una battuta a proposito delle primarie del PD: ma avete visto chi sono i gelesi in lista?
Di Dio... MA CHE CAZZO HA FATTO PER QUESTA CITTA'??? E' SOLO L'ENNESIMO UOMO DEL SINDACO CHE PER L'ENNESIMA VOLTA MANDA AVANTI I SUOI ALFIERI COSI SE PERDONO POTRA' DIRE CHE NON ERA LUI IN LISTA! E' SUCCESSO COSI' PER ASCIA ALLE REGIONALI, E' SUCCESSO COSì PER SUO FRATELLO ALLE EUROPEE DI 4 ANNI FA! FANCULO!
Cannizzo: ah bella forza! Dopo l' ICP... che cazzo viole ancora?
Fasulo: per fare che cosa? punture?
E per finire la faccia tista di Collura: VOTATE IL GELESE!
FANCULO IL GELESE!
Si è visto com'è cambiata la provincia di Caltanissetta con un gelese alla sua guida: ULTIMO POSTO DA DIECI ANNI!
FANCULO IL GELESE!
E se vado a votare alle primarie... VOTERO' MESSANA!!!!

emanuele ha detto...

Ormai noi italiani non siamo considerati più cittadini, ma merce o meglio clienti da fidelizzare con proposte accattivanti e convenienti.
L'informazione e quindi il potere oramai si fonda sugli spot-pubblicitari.
Basta avere il controllo mediatico-pubblicitario ed hai pure il controllo delle coscienze (Berlusconi Docet).
Non ci facciamo più domande,non ci chiediamo mai perchè, non ci indigniamo più di niente, siamo stati ridotti a innocui ed omogenei
"consumatori" di quello che Loro vogliono.
Chi ha visto "The Truman Show"?
siamo ridotti così.
l'unica speranza è che, come Jim Carrey, abbiamo il coraggio di ribellarci all'umiliante stato in cui siamostati ridotti e facciamo funzionare le nostre intelligenze per convincere gli altri a come siamo stati ridotti in nome del potere e dei soldi.

Roberto ha detto...

Caro Emanuele, hai perfettamente fotografato la realtà dell'informazione oggi in Italia e a Gela in particolare. Gianni è convinto che i giornalisti, specialmente quelli locali, abbiano onestà intellettuale, IO FRANCAMENTE NE DUBITO!
I gornalisti sono pagati e, permettetemi di dirlo, SONO SERVI DEL POTERE!
Non esistono più giornalisti liberi e quelli che ci sono o vengono emarginati, o si adeguono, o... vabbè, lasciamo stare, visto i tempi!
Ma li vedete i Tg locali o leggete i giornali di cronaca di Gela? un tg dedica 5 minuti (5 minuti!) a delel CAZZATE che si potrebbero raccotare in 1 minuto, intervistando ogni pinco pallino per una cosa già detta da altri! E gli articoli sui giornali?
PILOTATI! TUTTI!
Naturalmente l'eccezione c'è sempre, per fortuna, e come dice Gianni a queste persone gli si deve solo rendere merito. MA DOVREBBE ESSERE LA REGOLA, NON L'ECCEZIONE!
Io mi dovrei meravigliare quando certi articoli sono pilotati o comandati o "commissionati", e invece mi meraviglio quando gli articoli sono di puro giornalismo!
STAMPA INDIPENDENTE? PERIODICO INDIPENDENTE? MA PER FAVORE...
Siamo davvero in un "Truman Show"!
Avete visto anche i Tg nazionali? sparite le notizie sul debito pubblico! Sparite le notizie sul caro vita! Sparite le notizie sul caro mutuo! Sparite le notizie sulla impossibilità di arrivare alla terza settimana! Sparite tutte le inchieste che parlano di queste cose! TUTTO SPARITO!!!! MAGICAMENTE!!!! Come d'incanto... si è realizzato il miracolo italiano!
PURE LA QUERELLE DEL'IMMONDIZIA IN CAMPANIA E' SPARITA!!! Come hanno fatto? semplice: NON NE DANNO PIù NOTIZIA! E se una cosa non si vede in tv o sui giornali... NON ESISTE!
TUTTO RISOLTO!!!
Ci voleva tanto? Perchè non ci abbiamo pensato prima?!
E qui ci si meraviglia dell'informazione locale? se il marcio parte da quella nazionale... QUI E' ANCORA PEGGIO!
Gianni, tu non fai controinformazione... tu fai INFORMAZIONE! Perchè la controinformazione la fanno tutti quei giornalisti della tv e della stampa che sono SERVI DEL POTERE E DEL DIO DENARO! E che si fregiano del titolo di Giornalisti avendolo usurpato a chi il giornalismo lo fa davvero!
Giornalisti... GIANNI DOCET!!!
Onore a chi a Gela fa davvero giornalismo (una, forse due persone) MA GLI ALTRI SO DEVONO SOLO VERGOGNARE!!!!