martedì 29 aprile 2008

"Andava meglio quando andava peggio..."

La legislatura più breve della storia della Autonomia Siciliana lascia un "buco" da due milioni e mezzo di euro! La somma necessaria per garantire le liquidazioni dei 41 deputati che non si sono ricandidati o non sono stati rieletti nelle consultazioni del 13 e del 14 aprile. Una maggiore spesa che non poteva essere messa in preventivo, a dicembre, quando i funzionari dell´Assemblea misero su carta il bilancio preventivo poi varato dal consiglio di presidenza. Perché la sentenza che pendeva sul capo dell´ex governatore Cuffaro metteva sì in ansia i parlamentari ma l´amministrazione non poteva statuire in un documento ufficiale la possibilità di uno scioglimento anticipato del Parlamento
E così è arrivata la mazzata senza che nessuno nei piani alti dell´Assemblea, potesse prendere le precauzioni. Tutti i parlamentari a casa, e quasi la metà degli uscenti non sono riusciti ad acciuffare la riconferma alle urne. L´effetto immediato: la necessità di reperire i fondi necessari per garantire i trattamenti di fine rapporto.
La segreteria generale dell´Ars non è ancora in possesso dei dati ufficiali, anche perché la proclamazione dei nuovi eletti avverrà soltanto il 5 maggio. Ma, sulla base dell´esito ufficioso delle elezioni, i tecnici hanno già fatto i primi calcoli sulle somme da liquidare: 11.700 euro a deputato, senza contare gli incarichi!
Le liquidazioni più alte, ovviamente, andranno ai parlamentari con la maggiore anzianità a Palazzo dei Normanni: si tratta proprio di Cuffaro e dell´esponente di Forza Italia Salvo Fleres, che hanno lasciato l´Ars dopo 17 anni (entrambi sono stati eletti al Senato). A loro toccherà un Tfr di circa 160 mila euro!!!
In questa speciale graduatoria seguono 14 deputati con due legislature e mezzo (12 anni in tutto) alle spalle, ai quali verrà garantita una liquidazione di oltre 110 mila euro!
Quindi un folto gruppo costituito da 20 ex inquilini del Palazzo che hanno vissuto solo l´ultima legislatura-lampo, e che, per i 19 mesi di permanenza in Assemblea, avranno diritto a una liquidazione di 18 mila 720 euro!.
Di contro, fra i suddetti venti - nell´elenco ci sono nomi di rilievo come Gianfranco Micciché e Rita Borsellino - sono anche i più "sfortunati" parlamentari della storia dell´Ars: non essendo giunti a metà della legislatura non avranno neppure la pensione…
Poverini....
Intanto il problema più immediato, per i 41 deputati che non faranno ritorno nel Palazzo, è quello di ottenere le liquidazioni. Perché i soldi, al momento non ci sono. E allora dovrà essere nuovamente l´Amministrazione Regionale, che non naviga nell´oro, ad allargare i cordoni della borsa e trasferire i due milioni e mezzo occorrenti.
In compenso, nella quindicesima legislatura, il Parlamento regionale risparmierà sui contributi ai partiti. Per effetto del dimezzamento del numero dei gruppi parlamentari, che da otto passano a quattro, la somma relativa ai trasferimenti scenderà dai 3 milioni 959 mila euro del 2007 ai 3 milioni 618 mila euro previsti per il 2009. Ciò accade perché decade il regime transitorio che vedeva un contributo decrescente in rapporto al numero degli iscritti, e che premiava i gruppi più piccoli.
Il meccanismo in vigore, adesso, contempla un contributo fisso per deputato, pari a 3.350 euro al mese. Così, i maggiori partiti che hanno visto accrescere la propria rappresentanza, avranno maggiori finanziamenti: il Pdl passa da 90 a 117 mila euro mensili, l´Mpa da 33.500 a 53.600, mentre il Pd conferma più o meno la propria dotazione di 93.800 euro e l´Udc scende da 60 a 37 mila. A questa cifra vanno sommati i contributi che l´amministrazione dell´Ars versa a ogni gruppo per l´assunzione dei cosiddetti "stabilizzati": 43 mila euro per ogni contratto siglato.
Mi chiedo: ma come è possibile che in Italia, e in Sicilia in particolar modo si muore di fame e i nostri parlamentari prendono indennità pazzesche senza far nulla?!
Siamo nel 2008, e molte persone commentano gli sprechi,le infiltrazioni mafiose, le bruttagini della politica. Ma noi siamo Italiani, e dunque sappiamo soffrire in silenzio, anzi a tutte quelle cose che non piacciono rispondiamo: "benvenute!" Meglio non fare nulla, ma lamentarsi!
Intanto i politici che hanno capito benissimo come siamo e come non sappiamo reagire ci “picchiano” ancora. E per tutta risposta noi assistiamo e subiamo inermi gridando: “si, frustami ancora!”!
Poi dovremmo commentare che si sbafano un trattamento di fine rapporto dove un cittadino medio forse non guadagnerà neanche in quarantanni.
Ce lo meritiamo!!! O forse no…
Ci restano solo i luoghi comuni: “Quando c’era lui…” ; “Andava meglio quando andava peggio” ; “Benedetta Lira…”

3 commenti:

Giusy ha detto...

Poveri italiani, poveri siciliani! Tutti ciechi da non vedere, tutti sordi da non sentire, tutti tardi da non capire! Pardon, quasi tutti. Come continuare ad andare dietro a buffoni, marionette o pupazzi? Come avere dimenticato lo sfacelo in cui ci ha lasciato il precedente governo di destra? Come dimenticare che già alcuni anni fa non si riusciva ad arrivare alla fine del mese? Governeranno purtroppo per altri 5 anni, poi vi troverete ancora più poveri voi e più ricchi loro.

Franco ha detto...

Poveri italiani, poveri noi siciliani! Tutti ciechi da non vedere, tutti sordi da non sentire, tutti tardi da non capire! Pardon, quasi tutti. Come continuare ad andare dietro a buffoni, marionette o pupazzi? Come avere dimenticato lo sfacelo in cui ci ha lasciato il precedente governo di destra? Come dimenticare che già alcuni anni fa non si riusciva ad arrivare alla fine del mese? Governeranno purtroppo per altri 5 anni, poi ci retroveremo ancora più poveri noi e più ricchi loro!!!!

ciccio ha detto...

Poveri italiani, poveri siciliani! Tutti ciechi da non vedere, tutti sordi da non sentire, tutti tardi da non capire! Pardon, quasi tutti. Come continuare ad andare dietro a buffoni, marionette o pupazzi? Come avere dimenticato lo sfacelo in cui ci ha lasciato il precedente governo di destra? Come dimenticare che già alcuni anni fa non si riusciva ad arrivare alla fine del mese? Governeranno purtroppo per altri 5 anni, poi vi troverete ancora più poveri voi e più ricchi loro.